Che succede se un numero telefonico ‘storico’, associato a utenze individuali o imprese, cessa o non può avere più portabilità?

Di questi tempi pare non sia così infrequente per gli operatori telefonici affrontare questo tipo di controversie, in quanto possono sorgere inconvenienti per i cittadini interessati.

Tuttavia è bene sapere che la perdita del numero telefonico– che generalmente avviene quando le operazioni di portabilità non vanno a buon fine, a causa di errori tecnici da parte dei gestori interessati – dà diritto a un risarcimento economico. 

I consulenti di Cambiapasso-Assoutenti Emilia Romagna possono aiutare gli associati nella gestione di queste pratiche, fornire informazioni e assistere nel reclamo che,  se avviato da un’associazione consumatori, ha sicuramente maggiore ‘forza’ e completezza rispetto a uno inviato da un privato cittadino.

Abbiamo a questo proposito parlato con un consulente di Cambiapasso per avere un primo confronto sul tema.

Quali sono i più frequenti problemi per i cittadini che incappano nella perdita del numero?

I problemi maggiori per l’utente sorgono quando il numero perso, sia esso fisso che mobile, viene riassegnato dall’operatore ad altri utenti. Tale processo può portare alla definitiva perdita del numero storico, rendendone impossibile il recupero. 

E’ possibile però chiedere un rimborso…

Il regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori prevede come misura di calcolo dell’indennizzo per perdita della numerazione, la quantità di anni di possesso del numero. In particolare è previsto un indennizzo di 100 euro per ogni anno di utilizzo della numerazione andata perduta per condotta imputabile all’operatore telefonico. 

Ci sono differenze tra utente private e imprese?

Il regolamento prevede che se l’utenza interessata dal disservizio è di tipo “affari” (cioè riferibile ad un esercizio commerciale o professionale), l’indennizzo per la perdita della numerazione deve essere corrisposto in misura pari al quadruplo.

In questi casi, infatti, al cliente che ha perso la numerazione spetta un indennizzo da parte dell’operatore responsabile pari a 100 euro per ogni anno di precedente utilizzo, fino a un massimo di 1500 euro.

Se anche a te è capitato di incorrere in un caso simile chiedi la nostra assistenza scrivendoci a sportello@cambiapasso.it oppure utilizza il nostro form a fondo pagina.

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2020

    Hai bisogno del nostro aiuto? Contattaci!