Via libera dunque al nuovo decreto sul Green pass.

Dal 15 ottobre non si potrà entrare in nessun luogo di lavoro, pubblico o privato, senza la certificazione verde che dichiara la piena vaccinazione, la guarigione da Covid 19 o l’esito negativo di un tampone (effettuato ogni 48 ore). Circa 23 milioni di lavoratori – di cui 14 milioni e 700mila impiegati nel settore privato –  saranno coinvolti dal provvedimento che, secondo quanto ha dichiarato il ministro Draghi “Serve per continuare ad aprire il Paese” ed evitare al massimo nuove chiusure.

Verso l’immunità di gregge

L’obiettivo è dare alla campagna vaccinale la spinta necessaria a raggiungere entro la metà di ottobre l’80% della popolazione. Ai lavoratori, ma anche ai sindaci, ai governatori, ai vertici istituzionali, viene dato un mese per adeguarsi, con la prima dose di vaccino. Ovunque si possa controllare, entra in vigore l’obbligo.

Sanzioni e prezzi calmierati

Salate le sanzioni: si va dalla  sospensione dal lavoro o dallo stipendio a multe fino a 1500 euro. Non è passata la richiesta di chi proponeva tamponi gratis per tutti i lavoratori non vaccinati, ma varranno solo per gli esonerati dal vaccino;  le farmacie saranno obbligate ad applicare la tariffa da 8 euro per i bambini e mantenere prezzi calmierati per tutti gli altri (non più di 15 euro). Per le farmacie che non rispettano i prezzi è prevista una sanzione da mille a 10mila euro;  il prefetto potrà disporre anche la chiusura dell’attività per 5 giorni.

Il provvedimento, ormai nell’aria da qualche giorno, vale per i dipendenti pubblici, le autorità indipendenti, Bankitalia, per tutti i detentori di cariche elettive o istituzionali, per tutti i lavoratori privati, sia i dipendenti, che gli autonomi, dagli avvocati agli architetti, dagli idraulici, fino alle colf e le badanti. Ancora non richiesto sui mezzi di trasporto locale.

L’assistenza di Cambiapasso

Assoutenti Emilia Romagna attraverso il suo progetto Cambiapasso offre ai cittadini la propria assistenza attraverso un servizio telefonico Covid operativo tre pomeriggi a settimana dalle 15 alle 18, ogni lunedì, mercoledì e giovedì.

L’esperto di Assoutenti Emilia Romagna risponderà al numero 051 0828 436.

Se hai bisogno del nostro aiuto scrivici a sportello@cambiapasso.it oppure utilizza il form a fondo pagina.

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2020

 

    Hai bisogno del nostro aiuto? Contattaci!