Sempre più spesso in questi mesi abbiamo sentito parlare di mercato libero in merito alle bollette di gas e luce: quella che era una scelta facoltativa sta diventando una scelta obbligatoria: per le piccole imprese il passaggio sarà da compiere entro il 2021, per i privati la scadenza è a gennaio 2023. Ma che cosa succederà? Che cosa comporta questo cambiamento per gli utenti consumatori? A che cosa si deve fare attenzione?

Ecco la breve guida di Cambiapasso su cosa prevede il passaggio al mercato libero e come scegliere.

Mercato libero: caratteristiche generali

Il primo arcano da trattare è cosa si intende per mercato libero, libero da cosa? Il concetto di libertà è legato alla perdita di esclusività del mercato energetico, che non è più posto sotto il controllo dello stato: anche gestori privati potranno vendere gas e luce.
Il mercato libero è presente in Italia già dal 1999 quando con la riforma Bersani si arrivò alla liberalizzazione del mercato energetico favorendo la compresenza di due mercati quello a maggior tutela e il mercato libero. Da allora quindi gli utenti hanno avuto la possibilità di rimanere nel mercato tutelato o di passare a quello libero.

Il passaggio che avverrà dal 2023 consiste nella fine del mercato tutelato e quindi nell’obbligo per tutti gli utenti di scegliere un fornitore del mercato libero.

In questi anni sono diverse le aziende che hanno deciso di investire nel settore energetico proponendo diversi pacchetti per clienti privati e business.
L’ampia scelta, che da un lato dovrebbe permettere a ogni utente di scegliere l’opzione per sé migliore, ha creato al contempo confusione e dubbi tra i consumatori.

Come avviene il passaggio al mercato libero

La preoccupazione di molti consumatori in merito al mercato libero è legata non solo ai costi ma anche alla presunta complessità del passaggio. La procedura in realtà non dovrebbe (almeno in teoria) comportare difficoltà, ma i nostri esperti sono a disposizione degli utenti per aiutarli a compiere la scelta e il passaggio attraverso tutte le sedi associative sul territorio regionale oppure attraverso il numero 051 0828436.

E’ necessaria la massima attenzione già in questa fase poiché sono stati segnalati casi in cui l’utente si è trovato a passare al mercato libero senza saperlo, con conseguenti disagi e aumento di tariffa.

Il passaggio non è oneroso, ovvero non ci sono costi di attivazione o passaggio, ma implica un’attenzione alle offerte fornite dai vari gestori: il consumatore è tenuto a controllare i suoi consumi medi e scegliere il pacchetto che gli è più favorevole.

Il consumatore deve comunicare al fornitore prescelto una serie di dati necessari per l’adesione al mercato libero: dati personali, codice pod del contatore e indirizzo di residenza o domicilio nonché contatti di riferimento per eventuali comunicazioni e modalità di pagamento delle fatture.

I costi non sono vincolati ad un tariffario imposto dalla Legge dello Stato. Le tariffe, tuttavia, muteranno nel tempo pertanto sarà opportuno periodicamente controllare se sul mercato si presentano proposte più convenienti.

Come sarà la nuova bolletta energetica

Cambierà naturalmente il nome dell’ente fornitore dell’energia elettrica (che sarà quello del fornitore scelto dal mercato libero), ma non cambieranno le altre voci abitualmente presenti in bolletta.
Il calcolo avverrà sempre in base ai consumati effettuati e alla tariffa del nuovo gestore.
Non muta nemmeno il riepilogo dei consumi e il dettaglio delle spese.

L’assistenza di Assoutenti Emilia Romagna con Cambiapasso

In Assoutenti,  anche sul tema delle bollette, abbiamo deciso di “cambiare passo”. Lo facciamo innanzitutto pubblicando sulla nostra testata articoli di approfondimento che possono aiutare le persone a inquadrare correttamente la propria situazione. E poi offriamo primi consulti gratuiti, servizi più strutturati agli iscritti e, quando è possibile e utile, redigiamo e inviamo reclami e conciliazioni.

Per entrare in contatto con noi puoi usare il form a fondo pagina o scriverci a sportello@cambiapasso.it 

Qui trovi l’elenco delle nostre sedi.

(D.F.)

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2020

 

    Hai bisogno del nostro aiuto? Contattaci!